issue 1

Luca Santese

Luca Santese è nato e cresciuto nella zona di Milano. Ha studiato all’Istituto d’Arte di Monza e all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Durante gli studi all’accademia di Brera ha lavorato come assistente nello studio di Alex Majoli. Nel 2008 fonda e diventa membro del collettivo  Cesura, gruppo di fotografi che rappresenta progetti. L’idea centrale é quella di creare un gruppo forte ed indipendente capace di produrre qualità e ricerca in ambito artistico. Nel 2009 ha vinto il premio Photolucida Critical Mass International new talent photographers. Nel 2010 è stato selezionato dal premio World Press Photo con il progetto Detroit 2009-2010 e nello stesso anno ha esposto per la prima volta il progetto Found Photos in Detroit a Le Bal Space di Parigi. Sono seguite altre mostre al Kulturhuset di Stoccolma, alle OGR di Torino, al MoCP di Chicago e numerose altre in molti paesi del mondo. Nel 2012 è stato pubblicato il libro Found Photos in Detroit. Questo libro ha raccolto sette nomination come Il miglior libro fotografico dell’anno e nel 2014 è stato inserito nel volume Photobook: A History Vol: III, curato da Martin Parr e Gerry Badger. Parr e Badger considerano il libro come uno dei 200 migliori libri di fotografia del secondo dopoguerra. Il suo lavoro è stato pubblicato in numerose riviste internazionali e i suoi progetti sono stati esposti in Europa, Asia e Stati Uniti.

Nicola Turrini

Nicola Turrini è ricercatore in filosofia teoretica all’Università di Verona dove insegna Filosofia del linguaggio. Si occupa principalmente di archeologia dei media e di filosofia della tecnologia, con particolare riferimento ai media audiovisivi.

Nicola Patruno

Nicola Patruno ha studiato filosofia in diverse università italiane e tedesche, specializzandosi in estetica e filosofia sociale. È curatore e ricercatore indipendente. Nel 2021 ha fondato Jergon a Berlino, uno spazio che promuove le arti fotografiche sperimentali e la ricerca nel campo dei visual studies.

Orsola Stancampiano

Orsola Stancampiano è laureata con un Master in Metodologie Filosofiche con una tesi sul tema della Filosofia della Fotografia. Come fotografa ha realizzato diverse mostre personali tra cui In serie (2015), e Norsk Diaries (2016). Durante il lockdown di marzo-aprile 2020, dovuta alla pandemia di Covid, ha ideato il concorso In-between days Italy (2020), un progetto per ricordare il momento storico incerto e impegnativo.

Mauro Zanchi

Mauro Zanchi è critico d’arte, curatore, saggista e direttore del museo temporaneo BACO (Base Arte Contemporanea Odierna) di Bergamo dal 2011. Scrive per Arte e Dossier, Doppiozero, Antinomie, ATPdiary e C41. Alcune delle sue pubblicazioni più recenti sono: Luigi Ghirri. Pensiero paesaggio (Silvana Editoriale, 2016), Mario Giacomelli. Terre scritte (Silvana Editoriale, 2017), Arte e magia (Giunti, 2018), Nino Migliori. Gente del Delta 1958 (Humboldt books, 2020), Arte ed eros (Giunti, 2020), Trilogia metafotografica (Skinnerboox, 2019-2021), Arte e alchimia. Dall’antico al contemporaneo (Giunti, 2021), La fotografia come medium estendibile (Postmedia books, 2022). 

Alex Valentina

Alex Valentina è un grafico e produttore musicale. Ha vissuto per molti anni a Londra dove ha lavorato e coltivato il suo percorso musicale attraverso i progetti M+A e Santii. Attualmente vive a Milano. Alex è diventato sempre più popolare negli ultimi anni, sia per gli artwork e i type design per musicisti come Tkay Maidza e Oklou, sia per i suoi mind-bending fonts GoliaGolia e GabyGaby. Il suo lavoro è apparso regolarmente in pubblicazioni come EyeOnDesign e It’s Nice That.

Martina Alemani

Martina Alemani è giornalista e consulente che lavora come senior art contributor per la rivista Cactus e come responsabile del dipartimento artistico per la società P & Co Capital. È laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha collaborato per The Art Markets e tra il 2014 e il 2018 ha fatto parte della redazione del magazine Kaleidoscope.

Marta Perroni

Marta Perroni dopo gli studi classici e la laurea triennale in Lettere Moderne a Milano, si è diplomata in giornalismo narrativo alla Scuola Holden di Torino e ha conseguito un master di I livello in critica giornalistica all’Accademia Silvio d’Amico di Roma. Ha lavorato come reporter e fotografa freelance e ha curato rubriche di narrativa e critica musicale in diverse riviste, in seguito ha lavorato in varie redazioni, nella comunicazione e nell’organizzazione musicale e teatrale. Attualmente vive a Napoli dove frequenta il biennio specialistico di Pittura presso l’Accademia di Belle Arti. Lavora come artista visiva e illustratrice oltre a far parte del fondo/gruppo artistico Donne ad Arte.

Daniele Villa Zorn

Daniele Villa Zorn è un artista visivo e performer romano che mescola diversi linguaggi espressivi. Come artista visivo il suo lavoro si basa principalmente sul collage. Oltre a mostre personali e collettive, ha realizzato alcuni lavori per riviste come GQ Italia, VICE Italia e LINK Magazine. Attualmente collabora con Leporello, libreria romana dedicata all’editoria fotografica, con la quale ha realizzato il dummy del progetto The Divine Tourist e la mostra omonima nel 2021, oltre a una serie di workshop incentrati sulla storia degli approcci e delle tecniche del collage.

Sara Scanderebech

Sara Scanderebech è una fotografa e artista visiva con base a Milano. Dopo la laurea in Arti Visive all’Accademia di Belle Arti di Brera, ha lavorato presso la Galleria Carla Sozzani di Milano. Attualmente è Communication Manager e curatrice di “Paradise”, il concept store del marchio di moda Marsèll. Nel 2019 ha esposto alla Otto Zoo Gallery di Milano nella mostra collettiva Savage, nel 2021 ha partecipato a l’Avant Festival di Lecce con il progetto Le planète sauvage e ad Arvest! Photo Fest a La Morra con il progetto Another Green World. Collabora con riviste indipendenti come ALLA CARTA, Rivista Studio e la pubblicazione coreana MAPS.